Pietro Taricone, una battaglia persa con la morte ma non con la vita. Ecco il ricordo di amici e colleghi

Ovunque ti trovi, in strada o in un bar, la sensazione è sempre la stessa; appena si accenna alla tragica fine di Pietro Taricone, sembra quasi che non si parli di un personaggio famoso ma di uno di noi. Sembra che a lasciarci non sia stato un attore o un ex concorrente di un reality show, ma un amico. Perchè? Forse siamo stati talmente catturati da quel Grande Fratello numero 1, cui lui ne era il simbolo, che ancora non riusciamo a dare un senso a questa scomparsa improvvisa. O semplicemente a catturarci è stato o’ guerriero in persona.

Un’assenza difficile da crederci, di una persona che ha perso la battaglia con la morte ma non con la vita. Ecco il ricordo di amici e colleghi (via lastampa.it):

Roberto Saviano«Pietro si è accorto subito che la macchina mediatica lo stava stritolando, ma lui è andato oltre il reality. Era un uomo solare, orgoglioso di essere un uomo del Sud». Così Roberto Saviano ricorda il compagno di liceo a Sky Tg24. «Era una figura importante della nostra terra – ha aggiunto lo scrittore -, con tanta voglia di emergere in una terra così difficile». «Non ci frequentavamo, ma l’ho sempre rispettato perchè sapevo quanto è complicato emergere dalle nostre terre. Ho molta sofferenza per non averlo ringraziato dopo che pubblicamente mi aveva difeso dalle offese sul mio libro».

Daria Bignardi«Sono vicina con tanto affetto alla sua compagna, alla loro bambina e a tutta la loro famiglia. Non c’è consolazione quando manca un uomo giovane, padre di una bambina di sei anni. L’unica può essere la consapevolezza che Pietro si è sempre messo in gioco, ha dato molto ai suoi affetti ed è stato ricambiato»: commenta Daria Bignardi che lo aveva conosciuto in occasione della prima edizione del Grande Fratello. «In tanti vogliamo bene a Pietro – aggiunge la conduttrice – perchè è stato una persona coerente e sensibile, con uno sguardo intelligente e ironico su se stesso e sugli altri, attento a fare le cose meglio che poteva. Sua figlia può essere fiera di lui. Io lo ricorderò sempre».

Alba Parietti«Era il nostro James Dean ma con il cervello. Perchè lui la sua gioventù la viveva pienamente e intelligentemente, non l?ha certo bruciata». Così lo ricorda Alba Parietti all’Adnkronos, che con il “guerriero” aveva lavorato nel reality “Wild West”. «Pietro aveva una marcia in più. Era l’emblema dei ragazzi non raccomandati, che prendono un sogno e invece di perdersi in serate in discoteca e apparizioni in tv lo trasformano in realtà. La sua vita era fatta di desideri realizzati con caparbietà ed intelligenza: è stato il vincitore morale del primo “Grande Fratello”, ha recitato anche con grandi registi, aveva una compagna bellissima che aveva saputo anche perdonare, probabilmente facendo autocritica, che è cosa degna di pochi uomini intelligenti».

Cristina Plevani«I miei ricordi di Pietro sono quasi tutti legati al “Grande Fratello” perchè, a parte una cena insieme dopo quell’edizione, non ci siamo fraquentati mai in privato. Era un uomo carismatico e colto». Così lo ricorda Cristina Plevani, ex vincitrice della prima edizione del «Grande Fratello», e aggiunge: «Ora che non c’è più tutti lo osannano, anche se sui giornali in passato lo hanno criticato molto per la sua forte “meridionalità”. È il momento di lasciarlo in pace».

Barbara D’Urso«Oggi è una mattinata triste. La morte di Taricone ha colpito me e tutti i miei collaboratori». Lo ha detto Barbara D’Urso, contattata da Affaritaliani.it – «Era un amico. Era simpatico, sempre allegro, a volte bizzarro, un vero ribelle. Aveva scelto di vivere lontano dallo star system – ha aggiunto – vicino alla alla sua famiglia, alla terra e ai suoi amati cavalli».

Marco Risi«Era più colto, sensibile e delicato di quello che appariva, ma quello che di lui mi piaceva era il fatto che avesse scelto nonostante gli inizi al Grande Fratello, la professionalità rispetto alla popolarità». Questo il ricordo a caldo del regista Marco Risi che lo aveva diretto nel ruolo di un pusher nel film del 2006 “Maradona – la mano de Dios”. «In realtà per me aveva fatto un ruolo molto piccolo e si era dimostrato disponibile venendo a Buenos Aires per soli due giorni e non volendo neppure essere pagato». Perchè questa scelta? «Aveva una faccia da simpatico mascalzone, perfetta per quel ruolo».

Maurizio Costanzo«Era la grande star del “Grande Fratello 1”! – ricorda Maurizio Costanzo – Era simpatico, divertente e intelligente, e bonariamente guascone. Dopo il reality gli ho dedicato un’intera puntata del “Maurizio Costanzo show”, che ebbe un grande successo con lui protagonista assoluto sul palco del Teatro Parioli». «Non fu facile farlo venire in trasmissione – conclude il conduttore televisivo – perchè diffidava molto della televisione e dei programmi, ma una volta agganciato è stato tutto più semplice».

Rolando Ravello«Il mondo dello spettacolo non ha ignorato Pietro. Semplicemente i personaggi pubblici a lui vicini hanno rispettato il volere della famiglia ed è per questo che non sono accorso qui a Terni». È quanto affermato dall’attore Rolando Ravello, noto per aver rivestito il ruolo di Marco Pantani in una fiction tv e collega di Taricone ne “La squadra”.

Sonia Bergamasco«Una bellissima persona e un bravo attore»: l’attrice Sonia Bergamasco ricorda così il collega con cui ha lavorato nella serie di Raiuno “Tutti pazzi per amore”. «È una fortuna averlo conosciuto ed è un grande dolore che una bellezza così si sia bruciata così presto» dice la Bergamasco. «Pietro – racconta – amava moltissimo il suo lavoro, avrebbe meritato più attenzione da parte del mondo del cinema e avrebbe potuto fare di più».

Annunci

2 Responses to Pietro Taricone, una battaglia persa con la morte ma non con la vita. Ecco il ricordo di amici e colleghi

  1. Maria ha detto:

    CIAO ANGELO ORA CI HAI LASCIATO UN VUOTO INCOLMABILE
    SCRIVO DALLA SARDEGNA E ANCHE QUI LA GENTE E’ IMPIETRITA
    DOPO L’ACCADUTO.
    QUANDO HO APPRESO LA NOTIZIA IN TV SCORREVANO I TITOLI
    CHE TU NON ERI PIU’….NON HO CHIUSO OCCHIO
    NESSUNO TI VOLUTO MALE IN TUTTA LA NOSTRA ITALIA
    MA PER GIORNI E ANCORA SI PARLA DI UN GRANDE UOMO
    CHE E’ VOLATO IN CIELO…
    SEI LA STELLA PIU’ LUMINOSA DI TUTTE UN FORTE ABBRACCIO ALLA TUA COMPAGNA E BIMBA VEGLIA SU DI LORO
    NOI CONTINUEREMO A PREGARE PER UN GRANDE UOMO AMICO DI TUTTI…CIAO PIETRO TI PORTERO’ NEL MIO CUORE SEMPRE

  2. 어린이공방 ha detto:

    As the admin of this web page is working, no doubt very rapidly it wilol bbe famous,
    due to its feature contents.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: