Amici 10 vs X Factor Uk, tra Rita Pavone e Aretha Franklin ci meritiamo un Serale per quarantenni. Ma il pop fa così schifo?

Premessa: Mina e Lucio Battisti sono per tutti due colonne senza tempo della musica italiana. E su questo non c’è dubbio. Lo è un pò meno forse Rita Pavone. Detto questo, X Factor o Amici, dove batte la musica? Da nessuna parte. Diciamocela tutta, questo Serale di Amici non piace a nessuno. Lo si guarda per inerzia, per affezione al marchio e in memoria dei gloriosi tempi passati. Ma perchè un genere che altrove è un appuntamento irrinunciabile per metà del Paese, in Italia è continuamente lì lì per collassare?

La risposta è semplice. Chi segue Amici ha per la maggior parte un’età compresa tra i 15 e i 24 anni. E non lo dico io, lo dice l’Auditel. Il programma dovrebbe essere cucito su misura per loro. Sapete invece quanti anni dovrebbe avere lo spettatore ideale del Serale di Amici? Almeno 45. Vi dimostriamo perchè.

Mettendo da parte la danza, prendiamo in esame la musica che viene proposta da Amici.  Abbiamo fatto un calcolo. Nella quarta puntata del Serale abbiamo assistito a cinque prove di canto. Questi sono stati i brani scelti per le sfide: “Senza Fine” di Ornella Vanoni (1961),  “I’ve got you under my skin” di Frank Sinatra (1936), “Un giorno bellissimo” di Francesco Renga (2010), “Non sono una signora” di Loredana Bertè (1982) e “Anche un uomo” di Mina (1979).

La prima considerazione da fare è che questi pezzi hanno mediamente 37 anni. Tolti Renga e l’evergreen della Bertè, gli altri sono brani che difficilmente possono entusiasmare un pubblico di 20 anni. Magari saranno più apprezzati da chi quei brani li ha vissuti, cioè da uno spettatore che in media deve avere almeno 45 anni. Presa una puntata qualunque di X Factor Uk, un mostro da botte di 50% di share a settimana, l’età media dei brani è di 19 anni*.  Il confronto è quello tra un disco in vinile e un iPod di ultima generazione. Quale dei due preferirà il ragazzo di 20 anni?

La seconda considerazione è che in più di tre ore di trasmissione, ad Amici abbiamo ascoltato appena cinque brani. Una miseria se confrontata con X Factor Uk, dove in una puntata che non dura mai più di due ore, vengono proposti da dieci ai diciasette brani. Il ritmo è ben altro.

La terza considerazione riguarda le hit del momento. In quattro puntate di Amici, è stata proposta solamente una hit attuale,  “Un giorno bellissimo” di Francesco Renga. Volete un pò di titoli presi da una sola puntata di X Factor Uk? Eccoli: “Billionaire” di Travis Mccoy (2010), “When love takes over” di David Guetta feat. Kelly Rowland (2009), “Airplanes” di B.o.B (2010), “Just Dance” di Lady Gaga (2008) e “Viva la Vida” dei Coldplay (2008).

Gli autori di Amici ignorano completamente che esiste un panorama musicale pop anche negli anni novanta e duemila che è degno di essere cantato. Di fronte all’abbondare di Mina, Battisti, Dalla, Vanoni, Bocelli, Pavarotti, Ranieri ecc, il massimo che si osa è puntellare ogni tanto con Vasco Rossi e i Negramaro. Di quando in quando ci scappa anche Alex Britti. Tra l’altro mai con le hit più famose. Avete mai sentito cantare Max Pezzali o gli Articolo 31? Oppure Nek, “Più bella cosa” di Ramazzotti o “A te” di Jovanotti? Se poi ci allarghiamo alle hit straniere, rischiamo di far figuracce. Dai Maroon 5 a Timbaland, Lady Gaga o Leona Lewis, tutti dei perfetti sconosciuti.

A nostro parere, per ravvivare questo Serale serve una svecchiata dei brani proposti, più ritmo e una bella iniezione di musica pop e hit del momento. Non siete d’accordo?

*NOTA
La puntata presa come esempio è la prima della settima edizione. Questi sono i brani proposti in quella serata: “Billionaire” di Travis Mccoy (2010), “When love takes over” di David Guetta feat. Kelly Rowland (2009), “One Sweet Day” di Mariah Carey (1995), “Teardrops” dei Womack & Womack’s (1998), “We Built This City” degli Starship (1985), “Airplanes” di B.o.B (2010), “Just Be Good to Me” dei The SOS Band (1983), “Sunny” di Bobby Hebb (1966), “Killing Me Softly with His Song” di Roberta Flack (1972), “We Are the Champions” dei Queen (1977), “It’s a Man’s Man’s Man’s World” di James Brown (1966), “Just Dance” di Lady Gaga (2008), “Viva la Vida” dei Coldplay (2008), “She Bangs” di Ricky Martin (2000), “Love Shack” dei The B-52’s (1989), “Mad World” dei Tears for Fears (1982), “One” degli U2 (1992).

5 risposte a Amici 10 vs X Factor Uk, tra Rita Pavone e Aretha Franklin ci meritiamo un Serale per quarantenni. Ma il pop fa così schifo?

  1. Nicola scrive:

    E’ vero i brani sono troppo datati. Concordo pienamente, ad amici si dovrebbero dare una bella svecchiata magari inserendo insegnanti un pò più giovani e aperti alla musica internazionale attuale

  2. white89 scrive:

    già.. la scelta dei brani è sempre stata un punto a sfavore dei nostri talent. amici come x factor. non capisco se dipenda dalla forte tradizione musicale italiana che il nostro paese ha..e che quindi tende a farci restare aggrappati a determinati “generi” oppure è un problema di costi..magari le canzoni recenti costano troppo per essere eseguite (potrebbe essere?? non so come funziona).

    Il problema però a mio avviso più grave è la concezione che in italia abbiamo di prima serata. Cioè circa 4 ore di trasmissione che debbano ricoprire per forza anche la seconda serata per ottenere share maggiori… e non succede solo per i reality show..ma in generale.
    In USa o UK mandano in onda una puntata di 40 minuti a settimana per ogni telefilm…in italia invece almeno 2 o 3 episodi ..maratone disperate infarcite di pubblicità per poter arrivare a mezzanotte.

  3. factor85 scrive:

    Il problema sta proprio alla base dei nostri programmi. E non ci sono scusanti per entrambi perchè Amici guarda ad un pubblico quasi prettamente adolescenziale, mentre X Factor ha come marchio la ricerca di una pop star. Due motivi per puntare su brani meno datati, invece a volte sembra di guardare I Migliori Anni

  4. video camcorder scrive:

    After exploring a handful of the blog posts on your web page, I honestly like your way of blogging.
    I saved it to my bookmark webpage list and will be checking
    back in the near future. Please check out my web site too and let me know how you feel.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: